donald-trump5 strategie di marketing della campagna di Donald Trump

Per prima cosa non ho molta simpatia per Donald Trump.!
La sua retorica razzista,le sue tendenze misogine e le sue diatribe di divisione sono vergognose ed imbarazzanti.
E 'più credibile come un “gestore” di qualche incontro di wrestling che come candidato alla presidenza.degli U.S.A.
E 'un cassonetto di fuoco in un vestito di $ 10.000.
Tuttavia, piaccia o no, le prestazioni di Trump forniscono almeno cinque strategie di marketing per chiunque voglia costruire un marchio o un business.
1. Lo Shock vende.
Che si tratti di scontri radiofonici di atleti come Howard Stern o Don Imus; Bad Boys Dennis Rodman o Alex Rodriguez; artisti come Rob Zombie o Lady GaGa ,la capacità di shock è un modo sicuro per attirare l'attenzione.
E 'una tattica comune all'interno di industrie di intrattenimento sportivo, ma era una rarità nella politica fino all’avvento di Trump.
I suoi commenti scioccanti circa gli Ispanici, donne, alleati stranieri, il campo dei candidati GOP, il paese del Messico, il Papa, ecc, hanno portato il suo discorso politico ad un livello incredibilmente basso.
Eppure, continua a vincere.
2. Meglio esser liberi di parlare che “pagare” per farsi ascoltare.
Secondo i resoconti dei media, dei sette candidati rimasti che cercano la presidenza, Trump è legato all'ultimo posto per quanto riguarda la raccolta di fondi a $ 27,3 milioni; tuttavia, la sua copertura dei media e il numero totale di impressioni dei media sono il 40% superiore a quello del suo concorrente più vicino, Hillary Clinton.
I Media non possono allontanarsi, trasmettono e stampano ogni parola imprudente che Trump pronuncia.
Così, mentre ogni altro candidato sta bruciando fondi, attraverso le rispettive “casse” di campagna, versando milioni in pubblicità per far giungere il proprio messaggio a più persone possibili, Trump ha affermato di essere sempre "troppo" attento negli ultimi dibattiti, a ciò che dichiara in campagna elettorale..
Trump è un tamponamento a catena di tre auto sulla strada che i media sono costretti a coprire, praticamente senza alcun costo per lui.
3. Semplice è meglio che complesso.
Mai nella storia della politica degli Stati Uniti, un candidato è avanzato su così poca sostanza.!
Ecco la piattaforma Trump in poche parole: il blocco del Messico, l'assistenza sanitaria (revisione ), tagliare le tasse per tutti, maggior sostegno alle società di forza per vendere i prodotti solo negli Stati Uniti, creare milioni di posti di lavoro ben pagati , fine dell'immigrazione clandestina, riparare il sistema di istruzione - Oh, quasi dimenticavo, fare di nuovo grande l'America.
Quando viene premuto per specifiche ripete semplicemente un paio di punti di discussione logori sostenendo che egli non ha bisogno di particolari - forse è perché il diavolo abita nei dettagli e Trump è un cristiano dichiarato, dopo tutto.
Chi lo sa?
Indipendentemente dalle soluzioni semplicistiche e grossolane ,Trump è riuscito a trovare un largo consenso e la sua platea si è allargata.

4. Il contenuto non è primario, il contesto lo è.
Per il punto precedente, Trump non è vincente a causa delle sue soluzioni innovative a problemi complessi che l’America affronta, Trump sta vincendo perché è un estraneo e il suo tempismo è stato perfetto in questo periodo.
Negli ultimi otto anni i populisti repubblicani sono stati indignati per la mancanza di leadership, idee e iniziative.

Questo è l'unico anno elettorale che un candidato alla presidenza degli insorti avrebbe avanzato finora, così in fretta perché l'elettorato repubblicano vuole bruciare la propria casa partigiana con un lanciafiamme Trump-branded.
Mentre l’ intelligenza elitaria del partito aveva completamente perso il contatto con la sua base di voto, Trump ha riconosciuto che la grande onda emotiva creatasi poteva guidarlo dritto alla nomina.
Purtroppo, i tempi e il contesto risultano "vincenti".

5. riposizionare la concorrenza.
Trump è un bullo sfacciato nel vero senso politico, e avrebbe senza dubbio reso Niccolò Machiavelli orgoglioso o forse imbarazzato.
Indipendentemente da ciò, fin dall'inizio della sua campagna Trump è stato incredibilmente attento nel definire e riposizionare la sua concorrenza.
Dal momento che Trump è davvero un outsider, non ha nessun record in politica da difendere e può concentrarsi sul giocare in attacco per tutto il tempo. Ha inesorabilmente chiamato ogni concorrente usando un miscuglio di aggettivi evidenti "... bugiarda ... disastro ... leggero ... frode ... sfigato ... ecc."
Trump è in possesso di una clinica in tempo reale sul marketing, dimostrando che queste strategie sono utili da prendere in considerazione per tutti coloro che intendono promuovere un nuovo business o semplicemente se stessi!!
Egli sa, ovviamente, costruire un business e un marchio, ma questo non fa di Lui un essere umano decente. Mentre il marchio Trump sembra essere sempre più forte di giorno in giorno, la triste verità è che indebolisce inversamente gli U.S.A. avanzando per avvicinarsi alla Casa Bianca.


Massimiliano Paolucci
Massimiliano Paolucci

Sono Massimiliano Paolucci, imprenditore e consulente di marketing e finanza straordinaria. Autore di " IL TUO SUCCESSO SU FACEBOOK" , " STRATEGIA DI WEB-MARKETING" .Ho aiutato centinaia di imprenditori a lanciare il proprio business in Rete, ho contribuito a risollevare importanti aziende italiane ed internazionali.

Lascia i tuoi commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.